I Miti Norreni: Il Libro Illustrato

mitinorrcovvill

La mitologia norrena, popolata da potenti divinità, elfi, nani e giganti, dischiude un mondo sconfinato, traboccante di storie capaci di coinvolgere e incantare. Grazie alle parole di Mila Fois e alle illustrazioni di Alberto Orso, il mondo norreno sembra prendere vita, portandoci a fare la conoscenza di Odino, Thor, Loki e numerosi altri incredibili personaggi. Questo libro ci porterà in viaggio attraverso i nove regni disposti attorno al grande albero del mondo, dove ghiaccio e fuoco diedero origine a qualcosa di straordinario.

Questo libro illustrato nasce dal desiderio di creare qualcosa di bello, che possa appassionare non solo con le parole, ma anche grazie alle immagini, rendendo la mitologia norrena più palpabile e vicina a tutti coloro che avranno voglia di scoprirla. (altro…)

Annunci

Ogam: Alberi, Druidi e Poeti

Nel giorno della penultima luna piena dell’anno, esce OGAM: Alberi, Druidi e Poeti, il libro che ci porterà alla scoperta del misterioso alfabeto celtico, percorrendo un sentiero popolato da eroi irlandesi, divinità, alberi custodi e animali guida.

ogam-front (1).jpg

(altro…)

Galdrastafir: i Magici Sigilli d’Islanda – Ecco il libro per conoscerli davvero!

 

ready-front-cover

Ultimamente questi disegni dall’aspetto accattivante si vedono spesso su amuleti, monili, tatuaggi o graphic art… ma sappiamo davvero di cosa si tratta?

Innanzitutto, questi simboli misteriosi si chiamano galdrastafir (al singolare galdrastafur), termine che unisce le due parole galdr, incantesimo\magia, e stafur, cioè staffa, bastone di legno, dal momento che un tempo erano incisi proprio sul legno. Venivano utilizzati dai popoli vichinghi per ottenere forza, protezione, vittoria in battaglia e prosperità per i propri cari, ma non solo…

Hanno molto in comune con le rune, a loro volta simboli dalla valenza magica presenti nell’immaginario norreno, che venivano incise su rondelle o bastoncini di legno.

Le galdrastafir però non sono rune, anche se talvolta derivano da una combinazione di esse. Fondendo assieme la tradizione runica con l’alchimia medievale e rinascimentale, unendo anche il sapere di tipo esoterico e cabalistico, gli incantatori del nord Europa diedero vita a una forma di magia unica al mondo. (altro…)

Yliaster – I Cercatori di Stelle

Vi presento Yliaster – I Cercatori di Stelle, il romanzo che vi catapulterà in un mondo animato da ingranaggi, antichi misteri alchemici, cristalli dai misteriosi poteri e galeoni volanti…

YliPromo1.jpg

Cosa significa Yliaster?

Questo strano termine è stato coniato dall’alchimista Paracelso per identificare la prima materia, ovvero l’elemento costitutivo del nostro universo. Essa si compone di hyle (materia, in greco) e astrum (latino per stella), insomma la materia di cui sono fatte le stelle, ma non solo.

(altro…)

Rune: il sangue di Odino

Dopo le mie conferenze sulle rune, c’era sempre qualcuno che mi chiedeva se non avessi un libro sull’argomento. In seguito alla mia risposta, ovvero che per il momento mi ero focalizzata più sulla mitologia che sulla simbologia, ma che avrei comunque potuto consigliare qualche buon libro sull’argomento, solitamente mi si diceva che sarebbe stato molto interessante leggerne uno scritto da me. Ebbene, ho impiegato un po’ a scriverlo, ma eccolo!

Rune_text_RGB_version_hi-res

(altro…)

Edda: il Canto di Odino

Le principali fonti che ci hanno trasmesso tutto ciò che sappiamo sul conto di Odino, Thor, Loki e sull’affascinante universo norreno sono l’Eldri Edda, Edda Antica o Poetica, e l’Yngri Edda, Edda Giovane o in Prosa.

eddapromo2.1

Visto il grande interesse suscitato dagli argomenti narrati ne I Miti Norreni e in Saghe Vichinghe, ho pensato di dedicare interamente un volume della collana Meet Myths all’Edda, che è la fonte primigenia di ogni mito nordico.   (altro…)

Un sentiero lungo il corso del Sole

scegelietesentiero

La notte è calma ma gli spiriti non smettono di chiamare. Battono gli zoccoli, ululano, strofinano becchi e corna contro gli alberi…
è tempo che lo sciamano inizi il suo viaggio.
Gli spiriti lo sanno, per questo non gli danno tregua: conoscono il suo animo e lo accompagnano nella veglia e nel sogno, sin nelle profondità dei mondi inferi o lungo il sentiero che conduce al Sole.
Inan è un giovane destinato a diventare uno sciamano, ma il suo cammino verso la luce dovrà passare anche attraverso le ombre.

Una storia ambientata nelle lontane terre dei Tungusi, dove si è mantenuta la tradizione di affidarsi agli sciamani per comprendere i segreti sussurri degli spiriti. (altro…)

Racconti dei Fianna: gli eroi dei colli nebbiosi

fiannapromo

La notte di Samhain, ovvero quella del 31 ottobre, era molto importante per i celti. A Tara, il colle dove risiedeva il re d’Irlanda, si svolgevano grandi celebrazioni e ai clan rivali era proibito scontrarsi.

Per questo l’eroe Fionn mac Cumhaill scelse proprio la notte di Samhain per presentarsi al re, evitando così di incorrere nell’odio del clan Morna, i cui membri avevano ucciso suo padre. (altro…)

Gunnhild, la Cersei vichinga: veleno, sangue e potere

 

In segreto, arriva cavalcando nell’aria,
pervasa dall’odore di sangue, per danzare
con le streghe lapponi, mentre la luna
si nasconde di fronte ai loro incantesimi.
-John Milton, Paradise Lost (1667)

Gunnhild, la regina vichinga che governò su tre nazioni, fu una delle donne più importanti della Scandinavia, dove fu una grande regina e una pericolosa strega. Tutto ciò che sappiamo di lei proviene da frammenti di saghe, mischiati alla bile dei suoi nemici. Secondo gli studiosi sarebbe un personaggio pseudo storico, ovvero esistito realmente ma sul quale vennero elaborate molte leggende col passare dei secoli.

Image result for viking sorceress

(altro…)

Saghe Islandesi: gli eroi della Terra del Ghiaccio

SagheIslandesiPromo

Islanda significa Isola di Ghiaccio, nome che le fu dato dai primi colonizzatori vichinghi che, durante un rigido inverno, la trovarono completamente coperta di neve e ghiaccio.

Si tratta di un’isola che rimase a lungo solitaria e solo intorno al 900 d.C. fu esplorata per la prima volta dai marinai norvegesi in fuga dalle ire di re Harald Harfagre che, dopo aver unificato la Norvegia sotto il suo dominio, aveva esiliato tutti coloro che gli si erano opposti.

Questi esuli e ribelli cercarono rifugio nella misteriosa Isola del Ghiaccio che, essendo ancora un mondo del tutto nuovo, poteva garantire una nuova vita anche a coloro che erano stati banditi dalle terre natie. (altro…)

Alla scoperta delle Rune…

Le rune non erano solo un alfabeto per i popoli del nord, ma un vero e proprio sistema di simboli capaci di racchiudere il loro modo di vedere il mondo. Ciascuna runa infatti ha un profondo significato ed è connessa ad alcuni tra i più interessanti miti del vasto e affascinante universo norreno.

In questo articolo ne vedremo brevemente alcune, disegnate dall’artista Alex Borisson, con il quale ho collaborato per la creazione della copertina del mio libro Rune: il sangue di Odino.

Image result for alex borisson

(altro…)

Heimskringla: I re scandinavi discendono dagli dèi

Nel primo capitolo dell’Heimskringla, dedicato alla Saga della Stirpe di Ynge, un altro nome del dio Frey, patrono della natura, della prosperità e del raccolto, il poeta islandese Snorri Sturluson ci racconta di come i popoli scandinavi derivassero direttamente da Odino.

Image result for god frey norse

Al tempo in cui Snorri scriveva, il paganesimo era proibito in Islanda e la religione ufficiale era divenuta il cristianesimo, perciò Snorri, non potendo parlarci direttamente di divinità ormai considerate tabù, ci racconta di come uomini straordinari, che poi vennero considerati dèi a causa delle loro virtù, siano provenuti da molto lontano per dare origine alla stirpe di re scandinavi.

Quella che segue è una mia traduzione dei primi capitoli della Saga degli Ynglingar, perché le parole di Snorri, scritte secoli fa, valgono più di qualsiasi altra argomentazione, e potrete così notare da soli che, parlando della venuta di Odino, in realtà il poeta islandese andasse a toccare tematiche più antiche e profonde.

La geografia norrena

Si dice che il cerchio della terra, abitato dalla razza umana, sia suddiviso in varie parti cosicché il grande mare possa scorrervi attraverso dall’oceano esterno. Si sa infatti che un grande mare parte da Nörvasund (la terra stretta, cioè lo Stretto di Gibilterra) fino alle regioni di Gerusalemme.

Da questo mare, una lunga striscia di acque attraversa il nord est ed è chiamato Mar Nero, dividendo tre regioni della terra. Quella più a oriente si chiama Asia, quella a occidente viene da alcuni chiamata Europa e da altri Enea. A nord del Mar Nero vi è invece la Grande Swithiod, la Fredda (la Siberia).

La Grande Swithiod è comparata da alcuni alla Grande Serkland (il califfato islamico con capitale a Baghdad), mentre altri la paragonano alla Grande Blueland (l’Africa). La parte più a nord non è abitata a causa del freddo e dei ghiacci, così come la parte più meridionale della Blueland è bruciata dal troppo sole.

In Swithiod ci sono molti popoli e molti linguaggi. Ci sono giganti, nani, uomini dalla pelle blu e ogni altro genere di strana creatura. Ci sono enormi bestie selvagge e spaventosi draghi. A sud delle montagne scorre un fiume chiamato Tanais (Don), ma prima era conosciuto come Tanaquisl o Vanaquisl, e sfocia nel Mar Nero.

Le regioni intorno al fiume Vanaquisl sono chiamate Vanaheim, le terre dei Vaniri, e quel fiume suddivide le tre parti del mondo.

Aesir2

 

Odino e gli Aesiri

A oriente del fiume Tanaquisl c’è Asaland, la terra degli Aesiri, e la capitale si chiama Asgard. Qui governava Odino ed era un luogo dove dodici sommi sacerdoti dirigevano i rituali e amministravano la legge.

Image result for odin

Erano chiamati Diar o Drotner, e tutti dovevano loro obbedienza. Odino era un grande viaggiatore e un possente guerriero che conquistò molti territori, e la vittoria era sempre al suo fianco. Quando mandava i suoi uomini in battaglia, prima metteva la mano sulle loro teste e li benediceva, e così questi si ritenevano invincibili. La sua gente, quando si sentiva in pericolo, invocava il suo nome, ricavandone conforto, pensando che l’aiuto fosse vicino. Spesso Odino partiva per lunghi viaggi e stava via per molte stagioni.

Odino aveva due fratelli, Vili e Ve, che governavano il regno quando era assente. Un giorno accadde che Odino vagò molto distante, tanto che le genti dell’Asia temettero che non avrebbe più fatto ritorno. I suoi fratelli allora si suddivisero i suoi territori e anche la moglie Frigg. Quando però Odino tornò a casa, si riprese sia le terre che la moglie.

Aesiri contro Vaniri

Odino radunò un grande esercito contro la gente di Vanaheim ma loro erano ben preparati e si difesero, cosicché la guerra finì in parità. Continuarono a battersi e a fare razzie nelle terre altrui finché non si stancarono e non decisero di fare la pace, scambiandosi degli ostaggi.

I Vaniri mandarono i loro uomini migliori, Njord il ricco e suo figlio Frey. Gli Aesiri scelsero invece Honir, un uomo forte e coraggioso, assieme al saggio Mimir. I Vaniri mandarono anche il più sapiente tra loro, ovvero Kvasir.

Honir era sempre consigliato da Mimir, ma quando si trovava da solo e gli veniva chiesto il suo parere su una questione difficile, rispondeva sempre: “Lascio che siano gli altri a decidere la cosa giusta”.

I Vaniri allora sospettarono che gli Aesiri li avessero ingannati e gli avessero mandato uno stolto per prendersi gioco di loro. Presero Mimir e lo decapitarono, mandando la sua testa in Asaland.

(altro…)

La stirpe di Frey: Heimskringla

HeimsPromo.jpg

Le Sverd i Fjell, o Spade nella Montagna, sono un monumento piuttosto recente, inaugurato nel 1983, ma parlano di una grande battaglia del passato. Si trovano in Norvegia, nell’Hafrsfjord, e sono tre spade alte 10 metri conficcate nella roccia: vogliono ricordare la battaglia che venne combattuta proprio in quello stesso fiordo nell’872. In quell’occasione, re Harald Harfagre (Bellachioma) vinse su due sovrani rivali, unificando per la prima volta la Norvegia sotto un’unica corona. (altro…)

Le Signore del Mito – Donne, Madri, Dee

In questo articolo ripropongo la conferenza che ho tenuto nel corso di Strigarium, il festival dedicato alla tradizione pagana e alla valorizzazione della ritualità antica. Il tema quest’anno era  Il Risveglio della Dea e pertanto ho pensato che sarebbe stato interessante conoscere meglio quelle che sono e sono state le figure femminili più importanti nelle varie tradizioni antiche.

1signore del mito.jpg

(altro…)